Guida all’uso di SIRE

Che cosa significa SIRE?
SIRE è un acronimo e significa “Servizi Integrati Risorse Elettroniche”.

Qual è la funzione di SIRE?
SIRE, basato sul software SFX di Ex Libris, permette, a partire da un record bibliografico o da una citazione in rete (relativa ad articoli, libri, e-print, ecc.), di collegarsi con servizi estesi di linking (testo pieno, abstract, indici, citazioni da banche dati, ecc.).

In che modo è possibile attivare SIRE?
È sufficiente cliccare il pulsante SIRE che appare vicino alla risorsa.

Come si presenta il pulsante SIRE?
In varie forme: con il logo SIRE    , con quello SFX  oppure    o semplicemente come scritta SIRE linkabile.

Che cosa succede quando si clicca sul pulsante?
Si apre una “finestra” che presenta una lista di servizi di linking in relazione alla risorsa cui si riferisce il pulsante (esempio in figura). SIRE permette, tra gli altri, il collegamento ai seguenti servizi:

- testo completo dell’articolo (o abstract, o scorrimento di indice del periodico)
- ricerca automatica all’interno del catalogo dell'Istituzione. Per gli utenti dell'Università Federico II: “Aleph500”
- ricerca automatica all’interno di ACNP (Archivio Collettivo Nazionale dei Periodici)
- visualizzazione della citazione
- richiesta di document delivery
- ricerca automatica dell’indirizzo di posta elettronica dell’autore
- visualizzazione di informazioni sul periodico attraverso banche dati (Ulrich’s, PubList, ecc.)

 

 

Il pulsante e i servizi di SIRE sono visibili da qualsiasi computer in rete?
Sono visibili da computer riconosciuti automaticamente (tramite il numero IP della macchina) quali postazioni appartenenti all’Università Federico II. Ciò significa che anche dalla propria abitazione, purché connessi tramite server proxy all’Ateneo, è possibile ottenere i servizi SIRE.

Quando compare il pulsante SIRE?
Ogni volta che ci si trova all’interno di una risorsa che è “sorgente” di SFX (SFX source). Il sorgente riconosce che il computer appartiene all’Università Federico II e attiva una richiesta SFX. È consultabile una lista dei sorgenti SFX.

Cosa significa attivare una richiesta SFX?
Vuol dire che dal sorgente si crea, tramite un procedimento che si fonda sul protocollo OpenURL, un contatto con il nostro server SFX, al quale viene passata la descrizione della notizia bibliografica dalla quale è stato attivato il pulsante SFX. Il server SFX è configurato in base a tutte le risorse elettroniche e i servizi via Web che la nostra Istituzione ha deciso di attivare. Al momento dell'attivazione della richiesta, il nostro server valuta le possibilità a disposizione nel database di SFX (determinate dagli abbonamenti sottoscritti con le relative “soglie” di accessibilità legate a vincoli temporali, o a enti di appartenenza, ecc.; dall’esistenza di servizi in rete gratuiti; dalle tipologie di servizi che sono state attivate) e restituisce l’elenco dei servizi di linking appropriati (target) in relazione alla risorsa di partenza nel sorgente.

Più specificamente, che cos’è l’OpenURL?
L’OpenURL è un protocollo diventato standard NISO (National Information Standards Organization), basato su una richiesta HTTP e sul conseguente invio di metadati descrittivi per creare un legame tra risorse informative in rete, tramite un server di un’istituzione. Il server SFX accetta i metadati dall’OpenURL, li analizza e crea dinamicamente i collegamenti ai servizi legati a quella particolare risorsa.

Che cos’è il servizio “Copia citazione e OpenURL relativa”?
È la possibilità di visionare, salvare ed eventualmente trasformare in formato html (seguendo le istruzioni all’interno del servizio) la citazione legata alla risorsa che si sta consultando. Essa è mostrata secondo lo standard OpenURL, e come tale può essere utile, se per esempio viene inserita all’interno di un e-print, per rendere disponibile ad altri la finestra di servizi SFX.

SIRE si attiva solo quando è possibile ottenere il testo completo?
No. SIRE mostra in ogni caso la finestra di servizi di linking. Essendo sensibile al contesto nel quale ci si trova (context-sensitive), il sistema mostra ciò che è disponibile, e che dipende dalla disponibilità on-line e dagli abbonamenti sottoscritti dalle strutture dell’Università. Se il testo completo non è accessibile, si offriranno comunque servizi alternativi (abstract, TOC-table of contents, ecc.).

Perché l’opzione del testo completo di un articolo a volte non compare nella finestra dei servizi?
Le ragioni possono essere varie. Tra le altre: 1. L’Università  non ha sottoscritto la versione online e a testo completo per il periodico che contiene l’articolo; 2. Il testo completo non è accessibile in alcun sito in rete.

Perché si aprono più “finestre”?
Quando si clicca sul pulsante SIRE si apre una finestra con l’elenco dei servizi. Quando si clicca su uno dei servizi, si apre una terza finestra nella quale si attiva il servizio scelto. A volte una finestra è nascosta sotto altre. Si consiglia di utilizzare i tasti “alt tab” per “navigare” facilmente attraverso le finestre.

Perché a volte il testo completo è disponibile tramite vari collegamenti?
Per molti periodici elettronici c’è la possibilità del testo completo sia dal sito dell’editore sia da quelli di altri intermediari (da aggregatori, da banche dati accessibili dall’Università, da servizi particolari come JSTOR, ecc.). SIRE offre, quando possibile, tutte le varie opzioni, che possono essere utili in caso, per esempio, di server momentaneamente non disponibili.

A volte SIRE si trova vicino a un altro pulsante che indica la possibilità del testo completo. Che cosa significa?
Significa che, per default, la risorsa che stiamo esaminando offre propri servizi di linking al testo completo, che però sono generici e quasi sempre puntano al sito dell'editore. Tali servizi non sono sensibili al contesto locale dell'utente, possono pertanto essere fuorvianti e condurre a una destinazione non accessibile all'utente.

In tal caso, anche SIRE non garantisce il testo completo?
Non è detto, perché il testo completo potrebbe essere disponibile per noi in un altro àmbito, per esempio sul sito del nostro fornitore, oppure su quello di un altro intermediario. Quindi conviene sempre cliccare sul pulsante SIRE in quanto il menù dei servizi contiene opzioni estese di linking, che vanno al di là dell'accesso al testo completo, e che possono offrire all'utente percorsi alternativi per raggiungere il documento.

Se SIRE non conduce direttamente al testo completo di un articolo, significa che non c’è la disponibilità del testo completo?
SIRE è attivato in maniera da condurre direttamente all’articolo. In alcuni casi, dovuti alla sintassi “link-to” disponibile per determinati editori, la ricerca si attiva a un livello meno “profondo”, cioè viene mostrato l’home-page della rivista o il volume o il fascicolo all’interno del quale si trova l’articolo. In tali casi è sufficiente “navigare” all’interno del sito per trovare facilmente l’articolo.

Quali altre possibilità offre SIRE/SFX?
Nel portale SireLib della Biblioteca Digitale dell
'Università Federico II, SIRE/SFX ha permesso la creazione di unarea “Riviste elettroniche”. Essa contiene, anzitutto, lelenco completo, in ordine alfabetico, tutti i periodici on-line ai quali la nostra Università ha accesso a testo pieno. Per ogni periodico, il formato tabulare mostra il titolo con il link all’home-page, l’indicazione dell’intermediario, l’indicazione delle “soglie” di accessibilità (da quale anno, da quale volume, da quale fascicolo è permesso il full-text) e soprattutto il pulsante SIRE con l’elenco dei servizi di linking a disposizione. È possibile ricercare il titolo di una rivista allinterno dellelenco in vari nodi (“Inizia con”, “Contiene”, “Esattamente”). La ricerca di un periodico può anche essere “estesa”, cioè effettuata su una base di dati più ampia del solo elenco, e impostata su criteri più selettivi (per esempio in relazione ad anni specifici). Se la rivista non è tra quelle ad accesso completo, SIRE/SFX offre comunque una finestra di servizi di linking ad essa collegati.

Come è possibile ottenere altre notizie su SFX?
Consultando le FAQ (Frequented Asked Questions) presenti sul sito del produttore del software, Ex Libris.